CategoriesEditoriale

Bonus auto usate, il decreto Sostegni bis estende gli incentivi

Il giorno 09/07/2021 è stato approvato in Commissione Bilancio della Camera, un emendamento che prevede un credito d’imposta per l’acquisto di auto usate con contestuale rottamazione.

Assonauto già dall’aprile 2020, aveva presentato al Governo una richiesta di aiuti che potessero stimolare il Mercato nella fase post Covid19. Questo emendamento è un’importante novità nel settore Automotive, che coinvolge per la prima volta il comparto dell’usato.

L’emendamento prevede  uno stanziamento di  40 milioni di euro, destinati alle persone fisiche che acquistano in Italia, entro il 31 dicembre 2021, un veicolo di categoria M1 usato e di prima immatricolazione in Italia, per il quale non siano già stati riconosciuti gli incentivi di cui all’articolo 1, comma 1041, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e di cui all’articolo 1, comma 654, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, con prezzo risultante dalle quotazioni medie di mercato e non superiore a 25.000 euro, omologato in una classe non inferiore a Euro 6, e che, contestualmente, rottamano un veicolo della medesima categoria, immatricolato in data anteriore al 1° gennaio 2011 ovvero che nel periodo di vigenza dell’agevolazione superi i dieci anni dalla data di immatricolazione e di cui l’acquirente o un suo familiare convivente siano proprietari o intestatari da almeno dodici mesi; il contributo riconosciuto ai sensi della presente lettera è parametrato al numero di g di CO2 emessi per km, secondo gli importi di cui alla seguente tabella:

CO2 g/km

Contributo in Euro

0 – 60

2.000,00 €

61 – 90

1.000,00 €

91 – 160

750,00 €

 

Approvazione entro il 25 luglio. Con l’approvazione della commissione Bilancio della Camera, gli incentivi sono pronti a essere votati dalla Camera e dal Senato. I fondi saranno effettivamente disponibili, salvo diverse disposizioni contenute nello stesso provvedimento, solo con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Sostegni bis, che dovrà avvenire entro il 25 luglio.